Valguarnera

Home
Bibliografia
Biografia
Narrativa
Lettere
Poesia
Teatro
Giornalismo
Immagini
Iconografia
Testimonianze
Valguarnera
Critica
Eventi
Contatti

 

L'ora del sole a picco coglie alla sprovvista il paese, lo fulmina a bruciapelo, lo fa restare a strapiombo come sospeso a un filo dall'alto deserto del cielo incandescente

Valguarnera ai tempi di Lanza, acquaforte di Domenico Faro

 

Valguarnera

 

…Vedo da lontano il mio paese, così patetico e invitante nel ricordo, bello soltanto dove proprio finisce, nella campagna piena di violette e d'asfodilli, senza gli uomini del Circolo, dei caffè, delle farmacie, delle Società. A quest'ora i giovani giuocano a briscola, i vecchi continuano da almeno cinquant'anni la stessa partita di tressette, le fanciulle che si fanno lentamente dello stesso colore dei fichi secchi accendono ceri votivi a Sant'Antonio di Padova...

 

(Appunti, in "Storie e terre di Sicilia ed altri scritti inediti e rari", Caltanissetta, 1953)

 

Home | Bibliografia | Biografia | Narrativa | Lettere | Poesia | Teatro | Giornalismo | Immagini | Iconografia | Testimonianze | Valguarnera | Critica | Eventi | Contatti

Ultimo aggiornamento: 29-02-16